In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Secondo gli analisti i tablet non costituiscono l’era dei post-pc



Nel corso della scorsa settimana è tornato a galla uno dei temi più caldi riguardanti il mondo dei computer, in seguito alla dichiarazione di un analista di Canalys secondo cui Apple sia diventata la più grande fornitrice di PC al mondo, con una quota del 17% del mercato mondiale. Come si spiegherebbe il crollo improvviso di HP che, stando a quest’analisi, scenderebbe al secondo posto con il 12,7%?

La risposta risiede nel tablet di Cupertino. Apple ha venduto oltre 15 milioni di dispositivi, cifra che impressiona e disarma ogni altra azienda. Il CEO di Canalys, Steve Brazier, riferendosi al mercato dei tablet ha dichiarato a CNet:

Stiamo attraversando il più grande cambiamento che l’industria dei computer abbia visto negli ultimi 20 anni.

Inoltre Brazier ha fornito anche un interessante spaccato su Amazon che, con il suo dispositivo e il suo grande negozio online, è l’antitesi delle aziende produttrici di dispositivi come HP e Dell e potrebbe consentire al proprio tablet di diventare un vero e proprio fenomeno nel giro di pochi anni.

La dichiarazione ha trovato conferma anche nelle parole di Cook che, intervistato da Citigroup, aveva affermato come la rapida innovazione apportata da iOS abbia incrementato l’utilizzo dei tablet. Questo quando Jobs era ancora alla guida di Apple ed aveva proclamato l’inizio dell’era post-pc.

Bob O’Donnell, di IDC, non è d’accordo con queste affermazioni anzi, secondo O’Donnell non ci troviamo nell’era post-pc ma nel periodo PC-Plus, ossia il periodo in cui le persone sono in possesso di PC più altri dispositivi. Perché giustamente viene fatto notare come alcune cose non possano proprio essere fatte su un tablet. Le tastiere fisiche sono ancora indispensabili e ci sono applicazioni di alta fascia che richiedono molta potenza di calcolo, cosa che i tablet ancora non possono fornire.

I tablet occupano un loro posto e i PC occupano un altro posto. Possono lavorare insieme ma non sono ancora in grado di sostituirsi a vicenda. Sono complementari.

L’esempio più chiaro arriva da Adobe con le sue applicazioni touch. Sono state progettate per funzionare sui tablet ma non per sostituire le applicazioni desktop. Sul tablet si può costruire l’idea iniziale, la base, ma poi il vero lavoro con Illustrator o Photoshop si fa sul computer.

Con il computer l’utente ha a disposizione un sistema più potente e più preciso. Il mouse per lavorare con precisione, insieme alla tavoletta grafica, sono elementi che non possono ancora trovare corrispondenza sui tablet.

Il flusso di lavoro è biunivoco, da tablet a PC e viceversa con una crescita incrementale delle applicazioni complementari. Ma queste considerazioni alle case produttrici quali Apple, Samsung, HP o Motorola interessano relativamente. L’importante è creare dispositivi per i consumatori e renderli appetibili al punto da far credere che diventino indispensabili.

Via | CNet

268 Visite


1 Commento

  1. Posseggo un ipad dal day one, lo uso tutti i giorni, bellissimo, ma non costituisce l’era del post-pc assolutamente.
    I tablet Android hanno questa potenzialità, ci sono quasi.
    In tutto questo comprerò cmq Ipad3,perchè a me interessa un tablet, non un post-pc.

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice