In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Perchè Facebook e Google+ saranno le famose Killer-App di iPad



In moltissimi stanno ancora aspettando le vere e proprie Killer-App di iPad, ovvero quelle applicazioni che fanno la differenza e portano in vantaggio quel device che le avrà prima degli altri. Per molti tra le varie enumerabili non possono mancare Angry Birds e Fruit Ninja, per altri Facebook e Google+. Scopriamo il perchè.

Se seguiamo alla lettera ciò che Wikipedia denomina come Killer-App, essa risulta essere “un qualsiasi programma per computer che è talmente necessario o desiderato che impersona il valore intrinseco di una tecnologia più grande, come l’hardware di un computer, una console per giocare, un software o un sistema operativo. Una Killer-App può sostanzialmente aumentare le vendite della piattaforma sulla quale essa gira”.

Uno dei migliori esempi potrebbe essere ricondotto a VisiCalc su Apple II e Lotus 1-2-3 per i PC IBM. Senza queste 2 Killer-App, infatti, potreste non aver mai sentito parlare di Mac o Windows.

Comunque sia, ora come ora tutti quanti credono che iPad sia un grande successo e infatti lo è. Purtroppo per lui, come per gli altri tablet, però, esso non ha ancora trovato delle vere e proprie applicazioni in grado di essere tanto necessarie e desiderate da migliorare le già numerosissime vendite del device di Apple.

iPad ha ormai conquistato una grandissima fetta di mercato, la più grande! Paragonato, però, agli utenti Windows o Facebook, esso ha ancora moltissima strada da fare (ovviamente, essendo anche nato dopo rispetto ad entrambe le piattaforme).

Stando però agli ultimi rumor, sia Google che Facebook sarebbero sul punto di lanciare la propria applicazione sul dispositivo di Jobs. Oltre ad esse, inoltre, non bisogna dimenticare che anche Skype lancerà presto la propria App, altro ospite molto atteso su iPad.

Ovviamente le stesse applicazioni saranno presenti anche sui tablet Android (so che fin dall’inizio di questo articolo avete pensato “ma che cacchio dice questo scemo, se c’è una piattaforma che avrà la priorità su Google+, essa sarà proprio Android!”). Ma anche bene le cose raggiungessero un livello di equità (e non è così), la gente continuerebbe a preferire iPad!

In questo momento il social networking su tablet lascia molto a desiderare, se tralasciamo Twitter, il quale ha già investito molto sulla propria applicazione. Basta pensare a Facebook e a come esso sia raggiungibile solamente tramite App di terze parti o tramite una versione che su Safari Mobile risulta veramente user UNfriendly.

Spostando la nostra attenzione su Google+, esso, se aperto sul browser di iPad, viene visualizzato in versione mobile, procurando una maggiore semplicità di utilizzo ma un’altrettanto bassa qualità dal punto di vista delle opzioni fornite (ad esempio non è possibile ri-condividere i contenuti degli amici).

Sicuramente delle applicazioni create da Facebook e Google porteranno miglioramenti, sperando che Facebook non si comporti come si è comportata per iPhone, la cui applicazione, almeno a mio modo di vedere, lascia alquanto a desiderare.

Come annunciato prima, la migliore applicazione disponibile su store che crei un client decente per il servizio, è sicuramente la App  Google+ per Android. Google sembra però essersi voluta impegnare anche per creare un’ottima App da lanciare in App Store. Essa, come mostra il video sottostante, è caratterizzata da un’ottima interfaccia e permette un ottimo utilizzo di GPS e fotocamera. Inoltre essa offre un migliore servizio di chat di gruppo. Insomma: un’ottima App, anche se ancora alla versione 1.0. Fortunatamente per gli utenti Google+, comunque, la web-App attualmente presente online è già molto interessante in quanto offre gestures quali il drag-and-drop dei contatti nelle varie cerchie.

Per quanto riguarda Facebook, esso lavorerà sia su un’interfaccia basata su HTML5 raggiungibile da browser e molto iPad-friendly, sia tramite una vera e propria App per iPad, la quale avrà un’incredibile user interface e offrirà le esatte esperienze che la gente si aspetta dal social networking. Le attività degli amici verranno visualizzate istantaneamente e gli utenti saranno in grado di scrivere update del proprio stato, commentare, chattare e accendere una videochiamata in pochissimo tempo e con una gran facilità!

Ecco dunque, dopo questo grande preambolo, perchè Facebook e Google+ saranno le Killer-App su iPad:

La risposta alla domanda: “Per cosa lo uso?”

Generalmente moltissime persone sono attratte da iPad quando ne vedono uno; molte di esse ne sono realmente ammaliate ma non lo comprano perchè non riescono ad immaginare cosa sia possibile fare con tale oggetto. Il social networking e le sue App potrebbero essere una vera e propria risposta a questa domanda. Ovviamente l’utilizzo non si fermerà a questo, ma diciamo che per effetto domino se una persona vede che un’altra può visitare Facebook e Google+ (per la seconda i pochi che ancora lo conoscono), sicuramente è altrettanto attratta dall’oggetto in questione. È una sorta di virus, che imprime nella gente la necessità di fare una cosa allo stesso modo di come la fanno le altre, con la stessa comodità.

Il “Quando” è l’importante

Potrete usare il vostro iPad o qualsiasi altro tablet ovunque ma il maggiore utilizzo, come abbiamo detto in un articolo proprio ieri, avviene quando, alla sera, si cerca un momento per stare tra sè e sè per ciondolare e svagarsi un attimo. Questo tipo di tempo è principalmente speso, se ci pensate, sui social network. Ovviamente questo dipende in base alle persone che utilizzano il device, ma, come posso per esempio appurare in università, quando una persona ha un minuto libero, essa si fionda su Facebook per aggiornare il proprio stato o per controllare ciò che gli altri fanno. Pensate dunque a quanto sarebbe comodo poter avere una buona interfaccia che vi permetta, tramite inoltre funzionalità precise e create ad hoc, di svagarvi e di avere gli stessi servizi che vi vengono proposti quando siete di fronte al vostro computer.

Anche l’età conta

Google+ offre una feature chiamata Cerchie Sociali, che raggruppano i contatti che possono essere contattati individualmente. Per esempio, un tipico utente può essere inserito in differenti Cerchie, come Famiglia, Amici o altro (io ad esempio ne ho creata una dove raggruppo tutti i colleghi di iSpazio e iPadevice). Questo su Facebook non avviene, dove tutti sono amici e la divisione in gruppi non è ben precisa e non è utile a fini differenti da quelli del risultare offline in chat.

Questo è esattamente quello che vogliono i giovani. Non vogliono che parenti, amici di famiglia, nonni o altri tipi di persone possano accedere a certi contenuti. Ecco perchè, grazie alle cerchie, si può decidere di condividere alcuni contenuti con alcune persone ed esse soltanto. Questo permetterà agli utenti di avere un margine di rispetto maggiore rispetto a quello di Facebook.

Appena dunque i giovani lasceranno Facebook alle spalle in favore di Google+, essi saranno altrettanto portati ad acquistare un dispositivo dove poter avere una propria libertà e, con molta probabilità, esso sarà proprio un iPad.

E quando il boss blocca la connessione…

Come tutti ben sapete, un altro aspetto importante dell’utilizzo o dell’inutilizzo dei social network è la disponibilità o meno dei propri datori di lavoro nei confronti di queste piattaforme. Prima i datori di lavoro hanno bannato i computer, poi si sono spostati sugli smartphone, ma le persone sembrano sempre essere riuscite ad eludere queste “scoccianti restrizioni” (che possono essere condivisibili o meno).

Sicuramente l’utilizzo di un iPad tramite connessione 3G potrebbe permettere agli utenti una maggiore sicurezza e libertà, in quanto, dal punto di vista della sicurezza (sic et simpliciter) l’utilizzo dei social network tramite la rete aziendale è qualcosa di poco sicuro (mi vengono in mente i virus che giravano su Facebook fino a poco tempo fa, o anche molti fake-links). Moltissime persone, quindi, stanno già utilizzando questo metodo per la propria connessione, ma la presenza di delle App apposite sicuramente aumenterebbe il flusso d’utenza.

“The social network wars”

Dopo moltissimi tentativi risultati essere buchi nell’acqua (ricorderete Google Wave, spentosi dopo veramente pochissimo tempo), Google ha finalmente qualcosa di grosso tra le mani e, oltre a saperlo in prima persona, lo ha fatto notare anche a Facebook! Ecco che dunque si instaura così una vera guerra tra social network sulla quale dipenderà il futuro, in base all’utenza, dell’advertising online.

Come risultato, ognuna di questa grandi case farà di tutto per sovrastare l’altra. Il bello di tutto ciò? Sicuramente il fatto che, per vincere la battaglia, Facebook e Google dovranno offrire servizi sempre migliori ai propri utenti, in modo tale che essi non si rivolgano alla concorrenza.

Uno degli ultimi servizi lanciati è la videochat  che Facebook ha deciso di lanciare assieme a Skype. Questo passo sarebbe sicuramente interessante se integrato in un’App per iPad, il quale, come tutti ben sappiamo, è adattissimo a questo tipo di comunicazione (altrimenti perchè mai dovrebbe avere due (inutili) fotocamere?!?!?!).

Se Facebook offre questa videochat con Skype, Google non è da meno e offre un qualcosa chiamato “Hangouts”, ovvero una semplice e gratuita videochat di gruppo, la quale può ospitare fino a 10 persone.

Ecco che dunque delle App “Original” sarebbero fantastiche per iPad, in quanto offrirebbero servizi che App di terze parti e browser non possono offrire.

Cosa ne pensate dunque voi? credete che questo tipo di applicazioni potrebbero prendere tanto piede da portare nuovi clienti in Apple, oppure no?

Via

1,735 Visite


21 Commenti

  1. Bell’articolo…compliementi! Finalmente non una semplice notizia!

  2. Si e quello che ci vuole perche’ io mi trovo male con l’ipad quando devo entare su facebook, ci vorrebbe ho la chat su safari o un programma che puoi condividere link e chattare, ovviamente e molto meglio che abbia le notifiche!

  3. E’ copiato, attenzione alle denunce per plagio. Almeno dichiarate la fonte e non firmatelo come vostro articolo
    http://www.cultofmac.com/why-facebook-and-google-are-the-ipads-killer-apps/103940

    • Ma per favore……
      È dichiarato come in tutti gli articoli SOLO che non è in evidenza per gli orbi come te 😀
      CLICCA SU “Via”

      Scusate la schiettezza ma è il bello di non essere utenti registrati ne parte dello staff…

    • Mettiamo la fonte in ogni articolo non nostro. Comunque sia, oltre a riprendere quello di CultOfMac ho aggiunto altre considerazioni personali… mi spiace che tu le abbia perse a causa della probabile voglia di portare in evidenza un plagio che, oltretutto, non esiste… mi spiace veramente..

  4. 1.
    Bell’articolo!
    2.
    Mi ero perso l’uscita di Google+, quindi grazie…
    3.
    La tua ipotesi direi che è possibile e per niente infondata

  5. “Google+ offre una feature chiamata Cerchie Sociali, che raggruppano i contatti che possono essere contattati individualmente. (…) Questo è esattamente quello che vogliono i giovani.”
    Ti assicuro che non solo “i giovani” vogliono questo! FB è una piazza assoluta, dove l’unica discriminante, rispetto alla Rete nella sua interezza, è l’essere o meno “amico”: troppo poco, per come la vedo io.
    Ottimo pezzo, ottima analisi.

  6. Bell’articolo!
    Però credo che non siano delle killer-app dato che giustifichi la scelta dell’ipad con la comodità (HW)…la vera killer app di iPad si chiama decisamente APP STORE!

  7. Alla fine “ha pagato”…..complimenti Jacopo…articolo molto interessante, scritto in maniera competente..e lucida…ottimo anche come sguardo verso il futuro.

  8. Beh… io spero che Google+ sia la killer app per Android e non per l’iPad!

    • lo sarà per entrambi… per sfidare facebook, google deve spingere molto sull’acceleratore: questo significa supporto di buon livello a tutte le piattaforme software.

  9. Google plus potrà essere killer app tra due anni… Se non farà la fine di buzz e wave

  10. “Google+ offre una feature chiamata Cerchie Sociali, che raggruppano i contatti che possono essere contattati individualmente. Per esempio, un tipico utente può essere inserito in differenti Cerchie, come Famiglia, Amici o altro (io ad esempio ne ho creata una dove raggruppo tutti i colleghi di iSpazio e iPadevice). Questo su Facebook non avviene, dove tutti sono amici e la divisione in gruppi non è ben precisa e non è utile a fini differenti da quelli del risultare offline in chat.”
    Niente di più falso! Su FB puoi impostare le liste e pubblicare ogni cosa come meglio credi e con chi vuoi!
    Sto provando G+ e purtroppo per ora è solo una copia…l’unica nota positiva (per uno che come me usa tutto targato Big G) è l’integrazione nei vari altri servizi tramite i quali puoi sempre tenere sott’occhio le notifiche.

  11. bellissimo articolo Jacopo merita davvero di essere letto tutto ed è attualissimo…aspettiamo davvero tutti queste apps. 😛

  12. per me possono morire tutte e due

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice