In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Nelle prossime settimane Apple potrebbe raggiungere accordo con il Dipartimento di Giustizia Americano



Stando alle ultime indiscrezioni, Apple potrebbe trovare un accordo con il Dipartimento di Giustizia (DOJ) Americano che aveva intentato un provvedimento legale contro la società californiana per i prezzi applicati agli ebook disponibili sullo store della mela. La conclusione della vicenda, secondo Reuters, potrebbe avvenire già nelle prossime settimane.

All’origine della vicenda – attualmente sotto inchiesta da parte della Commissione Europea – vi erano stati i sospetti, da parte del DoJ, che Apple si fosse accordata con cinque grosse case editrici per diminuire illegalmente il prezzo degli ebook disponibili su iBooks store.

Secondo quanto riportato da una fonte vicina alla vicenda, le negoziazioni tre le controparti starebbero proseguendo a ritmo incessante. A tal proposito si fa avanti l’ipotesi che la società di Cupertino possa concedere alle case editrici di commercializzare i propri ebook anche su store diversi da iBooks, come ad esempio Amazon. Si potrebbe insomma ripetere quanto già accaduto nel 2011, quando il DoJ e la Federal Trade Commission (FTC) indagarono sui termini e condizioni del servizio di abbonamento presente su iTunes.

Sempre secondo quanto riportato dalla fonte di Reuters, Apple potrebbe essere costretta ad utilizzare il cosiddetto “wholesale model”, soluzione che implicherebbe un maggior potere nelle mani dei rivenditori, a discapito degli editori. In un sistema di questo tipo, gli editori sarebbero costretti a vendere i loro titoli ai rivenditori, che poi potrebbero stabilire un prezzo di vendita finale.

“Tale soluzione sarebbe sicuramente un vantaggio per Amazon, considerando la forza della compagnia nel gestire alti volumi di titoli ad un prezzo più basso” ha affermato l’analista Jim Friedland di Cowen & Co.

Amazon fù la prima ad utilizzare il modello in questione per la vendita dei sui ebook, essendo di fatto in grado di vendere titoli ad un prezzo più basso del loro costo al fine di acquisire maggiori clienti. In seguito, con l’entrata nel mercato di Apple e il suo accordo con le principali editori al mondo, il colosso dei libri decise di modificare la sua strategia.

L’accordo di Apple con gli editori in questione – tra cui Simon & Schuster, Hachette, Penguin, Macmillan e HarperCollins – prevede la possibilità per questi ultimi di fissare il prezzo di vendita dei libri in cambio della solita percentuale di vendita (30%) ad Apple. Qualora la società californiana fosse costretta a mettersi d’accordo per evitare il proseguimento delle indagini, comunque non vi sarebbero dei profondi cambiamenti nel canale distributivo di iBooks che, stando ai dati relativi al 2011, ha generato introiti per oltre 108 miliardi di dollari.

Via | AppleInsider

284 Visite


1 Commento

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice