In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Libri digitali sul nostro iPad: il risvolto della medaglia



L’idea di portare in digitale libri di testo ha colpito tutti fin da subito. Tutti noi siamo rimasti affascinati pensando agli ovvi vantaggi derivanti da questa innovazione: riduzione dei costi di acquisto, velocizzazione di acquisizione, aggiornamenti dei contenuti rapidi e il risparmio di spazio sono solo alcuni di questi benefici. Scopriamo però il risvolto della medaglia, cosa non ci è stato detto o non abbiamo considerato fino ad ora.

Non ci siamo mai fermati, o per lo meno io, a riflettere sugli aspetti negativi che la trasposizione dei libri di testo in digitale potrebbe apportare. Come ho accennato all’incipit dell’articolo, sono davvero molti gli aspetti positivi di questa implementazione, ma purtroppo come tutto nella vita, quest’evoluzione tecnologica si compone di due versanti. Facciamo dunque il punto della situazione.

Se da un lato otterremmo una riduzione dei costi del singolo libro, circa 14.99$ a libro, dall’altro lato dobbiamo considerare l’impossibilità di rivendita del libro, una volta utilizzato. Il mercato della compra-vendita a cui siamo abituati andrebbe verso un’inesorabile fine, rendendo il riutilizzo di anno in anno impossibile. Considerando questo problema, la versione digitale potrebbe arrivare a costare quanto l’edizione cartacea. Considerando inoltre che a questo prezzo bisogna associarci il prezzo dell’iPad, o del tablet scelto, non sarebbe più conveniente utilizzare libri elettronici. Molte scuole inoltre non sarebbero pronte ad affrontare il considerevole aumento di costi impiegati nell’acquisto degli iPad.

Inoltre c’è da dire che uno schermo LCD come quello dell’iPad non è propriamente adatto ad una lettura prolungata ed intensa, come quella che caratterizza uno studio scolastico.

Come ho detto all’inizio dell’articolo, sono comunque da sottolineare i vantaggi tangibili che i libri cartacei non possono offrirci: gli i-Book sarebbero interattivi, rapidi, facilmente reperibili, possono essere aggiornati dal web, non creano ingombri e non pesano sulle schiene degli studenti.

Dunque da ora guarderemo con occhi diversi la vicenda, cercando di capire davvero cosa è più utile e conveniente. Il tablet Apple può essere considerato pronto a questa rivoluzione digitale, oppure tutto ciò è solo da considerare un chiaro marketing in pieno stile Cupertino? E voi, cosa ne pensate di questa vicenda? Da che lato vi schierate? Siete a favore o contro? Fateci sapere le vostre opinioni nei commenti.

Via |  Online Teaching Degree

1,388 Visite


11 Commenti

  1. Cari ragazzi, invece di continuare con commenti di scarsa rilevanza vi suggerisco di approfondire le vs ricerche scoprendo testi ed opportunità di lettura. Visto che siete giovani appassionati di tecnologia cercate di uscire dalla superficialità di certi argomenti ed aiutare gli utenti ad affrontare l’era del digitale.
    Confidando nella vostra passione per questo mondo vi auguro buon lavoro.

  2. Io non credo che siano argomenti superficiali, dato che riguardano milioni di studenti, e credo che il futuro sia proprio nel libro digitale, ma ci sono diversi problemi che dovranno essere affrontati , prima fra tutto la pirateria, dato che secondo le statistiche 4 ebook su 5 sono già stati clonati.

  3. Allora la pirateria ha già risolto il problema della rivendibilità

  4. secondo me ci sono 2 opzioni
    – iPad di proprietà della scuola, quindi i contenuti appartengono alla scuola. L’alunno paga un prezzo simbolico, di anno in anno. I libri si comprano una volta sola…
    – libri a tempo, dopo un periodo determinato scadono e non sono più utilizzabili. Prezzi ridotti ovviamente.

    Certo tutto questo senza contare la spesa che non credo lo Stato possa affrontare e la pirateria, che ovviamente non ha soluzione…
    anche le scuse, tipo ‘non ho studiato perchè l’ipad mi si è brikkato’ saranno aggiornate !

  5. 17 kili di zaino sulla schiena di mio figlio. Ditemi se questo non e’ un motivo sufficiente per passare al digitale. Senza contare il fatto che finalmente le case editrici saranno obbligate a distribuire in digitale i testi scolastici rendendo la vita un po’ piu’ facile a chi ha problemi di dislessia o di apprendimento.

    • Quoto in pieno! ..Senza contare la marea di carta che va sprecata, perché in verità i libri scolastici, al contrario di quanto é stato scritto in questo articolo, nel mondo reale non li puoi rivendere, perché le scuole aggiornano e cambiano continuamente i libri di testo, io ho ancora tutti i miei libri, e fatta eccezione per quelli del liceo che sono veramente utili, quelli delle medie o delle altre scuole inferiore sono ad oggi, soldi buttati e carta sprecata…

  6. La strada è questa, magari non sarà Apple ad indicare come percorrerla ma sicuramente ha messo sul piatto la sua proposta. Il futuro ci darà quale saraà la soluzione, noi in Italia vittime del conservatorismo che di distingue penso che la rivoluzione la vivremo leggendo le notizie che ci arriveranno dall’estero. Per il momento fantastichiamoci ma non poniamoci il problema che riguarderà i nostri nipoti

  7. Io non vedo molti aspetti negativi nel digitale, anzi rispetto a quelli positivi sono irrilevanti. IO da studente univesitario non posso permettermi di spendere 80 euro per un libro! Con il passaggio a digitale si sconfiggerebbe,usiamo sempre il condizionale, due fenomeni dilaganti nel mio ambiente: i libri FOTOCOPIATI e la rivendita in nero dei libri usati

  8. Tra gli aspetti positivi aggiungerei…ECOLOGICI!

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice