In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

iPad usato per intrattenere i nostri bimbi: è giusto o no?



I tempi cambiano e, se noi da bambini chiedevamo i Lego o la classica pista da Formula 1, ora i bimbi moderni a Babbo Natale chiedono iPad, iPod, Psp, Playstation e similari. Questi prodotti oltre a costare non poco ci fanno riflettere se sia giusto o meno consentire ai nostri figli di passare del tempo con questo tipo di dispositivi.

Prendendo spunto da un articolo trovato in rete, mi son fatto le stesse domande e ho cercato di valutare come è realmente la situazione, almeno per quanto riguarda casa mia e i miei figli. Vi dico subito che mi trovo pienamente d’accordo con l’autore dell’articolo di 9to5iPad, da cui ho preso spunto e che, anche se si limita a fornirci una lista di pro e contro, fotografa molto bene la situazione attuale.

In casa mia i miei bimbi hanno a disposizione diversi dispositivi con cui giocare, ovviamente avendo 2 bimbi con diverse età non è detto che quello che va bene per la bambina più grande possa andar bene anche per l’altro mio figlio di circa 4 anni. Quotidianamente i miei bambini vengono a contatto con iPad, iPod, Nintendo DS/Wii, Psp (mia figlia ne ha una rosa con tanto di Led moddata da un mio carissimo amico quando ero admin di Psplandia), PS3. Tutte queste cose calamitano la loro attenzione in maniera impressionante e sia io che mia moglie dobbiamo cercare di limitare la loro fame di “divertimento tecnologico” e stimolare altri aspetti del gioco tradizionale, che nella società moderna stanno man mano scomparendo.

Fortunamente mia moglie è insegnante di scuola materna e quindi può darmi un valido aiuto, anche perchè i miei studi pedagogici risalgono ai tempi dell’università e quindi parliamo dei tempi di Neanderthal.

Sicuramente in casa mia il dispositivo più usato è iPad, nello specifico quello di prima generazione, con cui i miei figli giocano e si divertono usando moltissime App a loro dedicate, molte delle quali le avete viste in prova su queste pagine e riguardano sia le audiofiabe che App per colorare e disegnare, che ritengo siano quelle più adatte per dare libero sfogo alla loro creatività.

Se per noi genitori queste App sono una vera mano santa perchè evitano i fastidiosissimi segni sui muri appena verniciati, oppure le macchie di colore sul pavimento in cotto (meglio non parlare di questa cosa…sigh), per i nostri figli invece possono portare a una sorta di isolamento sociale. Meglio dunque se vengono usate con parsimonia e sempre sotto il controllo discreto da parte di noi genitori.

Personalmente ritengo che il mix perfetto sia dato dall’uso di entrambe le cose, quindi spesso e volentieri faccio disegnare i miei bambini sia su iPad e successivamente sui fogli di carta con i colori a tempera o meglio ancora se con della vera e propria pittura, perchè i bambini hanno bisogno del contatto diretto con il “materiale” per rendersi conto di quello che effettivamente stanno creando e, anche se amo iPad e ogni genere di diavoleria elettronica, mi rendo conto che certe esperienze non potranno mai essere riprodotte da nessun display o dispositivo.

Ovviamente con iPad i bambini possono accedere a una miriade di contenuti che possono includere sia le App, ma anche i video (sul mio iPad 1 ci sono circa 20 cartoni Disney), musica e foto, l’unica cosa che blocco è il WiFi onde evitare che possano accedere accidentalmente in qualche sito poco adatto alla loro tenera età. Il rischio di questa sempre più crescente fame di tecnologia è che il bimbo si possa isolare in un mondo tutto suo e avere in futuro difficoltà a confrontarsi con altri bambini o peggio ancora a non riuscire più a giocare (e quindi divertirsi) senza l’ausilio di un iPad o di una Psp.

Naturalmente questo articolo racchiude una serie di considerazioni personali che potrebbero non ritrovare il consenso di tutti, ma che forse potrebbe tornare utile a qualcuno di voi che si trova alle prese con la fantastica esperienza di essere neo genitori.

Via | 9to5iPad

1,567 Visite


19 Commenti

  1. Secondo me l’ipad ( così come i videogame ) aiutano la stimolazione del cervello.. Richiedono continuamente l’uso della logica, la risoluzione pratica ai problemi, allenamento dei riflessi, ricalcolo della soluzione in seguito a variazioni.. Insomma è un allenamento continuo del cervello! Persone che non hanno mai giocato ai videogames da piccoli sono statisticamente più “lente” di coloro che ne hanno fatto “abuso” :)

    • Conosco gente che però ci è rimasta sotto…. :):):)

      Come sempre la verità è nel mezzo….non si dovrebbe mai abusare troppo delle cose, una giusta dose aiuta, il troppo….”storpia”…. 😉

  2. Io ho un bimbo di quasi 5 anni e usa l’ Ipad praticamente da quando è nato, l’ Ipad intendo.

    A casa nostra vige la regola che lo puù usare mentre io e mia moglie prepariamo la cena. Quindi ca. 30 minuti al giorno.

    Le APP dedicate ai bimbi più piccoli sono la manna dal cielo. Sopratutto quelli di logica, è bravissimo con Ungry Birds e Cut the Rope.

  3. Articolo utile e interessante :) non sono ancora un genitore ma ho un cuginetto che oramai ha avuto tutto di tecnologico e fra poco arriverà l’iPad credo….ved che tutti questi strumenti sono utili sia ai bambini che ai genitori però manca sempre qualcosa, ad esempio l’esperienza del materiale come tu hai definito, stare all’aria aperta etc etc. Oggi come oggi vedo sempre più bambini che stanno incollati ad uno schermo lcd piuttosto che in compagnia di qualche amico…e questo un po’ mi preoccupa…molto spesso i bambini si estraneano perché sono i genitori per primi ad essere in un mondo tutto loro..

  4. Bell’Articolo….

  5. Articolo interessante. Sono anch’io genitore e mi ha fatto sicuramente riflettere un po.
    Sono praticamente d’accordo su tutta la linea. Io sono un appassionato e di conseguenza i miei piccoli “respirano” tecnologia in ogni angolo della casa.
    Come tutte le cose secondo me bisogna ragionare secondo il criterio della giusta dose.
    Noi cerchiamo sempre di non farli esagerare e questo dipende anche molto dai giorni e dal periodo dell’anno. Ad esempio quando sono a scuola, gli facciamo fare anche sport quindi hanno pochissimo tempo (meno di un 1h) per dedicarsi ai loro giochini. Nel week-end siamo un po più permissivi e gli concediamo un paio d’ore.

    Loro comunque preferiscono uscire di casa e fanno sempre salti di gioia quando si va da qualche parte. Credo che questo sia un buon indicatore per verificare il loro grado di assuefazione.

  6. La gente (di ogni età) è già isolata in quella macchina perditempo di Facebook.

    • Hai assolutamente ragione..il problema qui non è l’iPad o il pc o i videogiochi..il problema è facebook insieme a tutti i social network che stanno isolando le persone. Vedo persone che trascorrono giornate appiccicate a facebook e che non sanno parlare d’altro se non di quello. E ho visto che si inizia da 12 anni (quindi da bambini).

  7. Mio figlio ha 2 anni e usa iPad da almeno 6 mesi. Sa guardare le foto, usare youtube, guardare film. L’intuitività di iOS si sposa benissimo coi bambini che lo usano come se sapessero già come fare. Cerco sempre Peró di fargli disegnare con carta e matite, lego, e movimento.

  8. Finalmente un ARTICOLO degno del suo nome! Da tempo non vedevo un articolo che non fosse una traduzione.

    Grande Luca 😉

  9. Ciao, io ho quattro figli, di 7,6,5 e 2 anni. Tutti amano ipad e iphone e sono molto più abili dei nonni nell’usarlo.
    Mi accorgo però che quando lo usano troppo tendono a diventarne dipendenti, a fare capricci ed a litigare fra loro, lo cercano in maniera quasi compulsiva. Occorre quindi sempre che un adulto sia con loro, per aiutarli a ricavare il meglio da un dispositivo così tecbologicamente avanzato.
    Il punto quindi, secondo me, non è tanto il fatto che siano cambiati i modi di divertirsi (questo è inevitabile), ma che i bambini abbiano comunque bisogno di essere aiutati a sviluppare, in una fascia d’età così importante, le loro doti di apprendimento. In questo, sicuramente iPad può essere utile ma non potrà mai sostituire la realtà.

  10. Articolo interessante.!! Ho da poco preso l’ipad; potete consigliarmi delle app per la mia piccola di 2 anni. Grazie a tutti

  11. io ha una bimba di due anni e da circa sei mesi si è messa ad utilizzare l’ipad con le sue diverse applicazioni dedicate ai bambini. è incredibile vedere come ha imparato in fretta ad utilizzare il touch e capire cosa doveva fare.c’è però bisogno di un costante controlle dei genitori, perchè la facilità con cui si può passare da un gioco all’altro e sopratutto da un video all’altro, puo, secondo me, creare una sorta di incostanza. Un’ultima cosa, il mio blackberry non touch viene snobbato bellamente!!

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice