In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Ecco perché Microsoft è destinata a perdere nell’era dei Post-PC | Approfondimenti



Nel corso dell’evento di presentazione per il nuovo iPad, Tim Cook ha avuto modo di affrontare il discorso riguardante l’era Post-PC che il mondo sta attraversando, scatenando reazioni differenti tra entusiasmo e scetticismo. Alcuni hanno addirittura criticato l’idea del CEO Apple, indicandolo come “bugiardo“. In realtà le parole di Cook hanno un significato diverso.

Le parole di Cook non sono rispecchiano la realtà ma sono frutto di un’accurata ricerca. Intanto è bene precisare che il CEO Apple ha dichiarato che l’azienda di Cupertino si trova in prima linea per guidare la rivoluzione tecnologica in atto, senza dire né che stiamo vivendo l’era Post-PC né tantomeno che in futuro i PC cesseranno di esistere, facendo una precisazione:

Stiamo parlando di un mondo in cui non tutto cio che è digitale debba gravitare per forza attorno ad un PC.

Senza esplicitarlo, tra le righe però si può leggere un messaggio diverso, ossia che la rivoluzione da PC a Post-PC sta comportando una graduale transizione da Microsoft ad Apple. Negli ultimi decenni Windows è stata la piattaforma dominante mentre Mac OS è risultato un sistema operativo di minoranza. Ma le posizioni sono destinate ad essere invertite nel corso dei prossimi anni.

Le sfide affrontate dalle varie Microsoft, Apple e Google sono simili a quelle affrontate da altre grandi aziende nel corso della storia e nella tecnologia informatica gli schemi si ripetono ciclicamente. Tutte le tecnologie di successo seguono il medesimo modello: accettazione, crescita, dominio, declino e irrilevanza.

La possibilità di successo si basa su una questione di tempismo. L’azienda giusta con la dirigenza giusta e le giusta tecnologia necessitano anche del tempismo perfetto. Ciò che è giusto oggi sarebbe stato prematuro un anno fa e troppo tardi tra un anno.

Aziende come Microsoft e Google hanno avuto il bisogno del contesto perfetto per diventare le grandi realtà quali sono. Se Google fosse stata fondata prima di Microsoft sarebbe miseramente fallita. Se invece Microsoft avesse iniziato la propria attività dopo Google, non avrebbe ottenuto il successo che tutti sappiamo.

Ma una volta che le aziende raggiungono l’apice della loro attività, l’unico modo per riuscire a mantenere una posizione dominante è saper re-inventare. Questo è uno degli aspetti più difficili da raggiungere e sono poche le aziende che davvero riescono a farlo. La ragione dipende dal fatto che normalmente re-inventare significa “uccidere” uno dei prodotti di maggior successo mentre sono ancora in auge e scommettere su quelli che ancora stentano a decollare.

Apple è riuscita ad aggirare questo tipo di situazione, tutto quello che è cresciuto intorno ad iOS è nato grazie al piccolo iPod, un prodotto che in nessun modo ha interferito con l’attività principale dell’azienda, la produzione di computer, ma si è integrato con la stessa grazie ad iTunes.

Da quel seme è nato poi iPhone e dall’iPhone è nato iPad. Con il tempo i dispositivi iOS sono entrati in competizione con i Mac, come alternativa per gli utenti e lentamente prenderanno il sopravvento, dal momento che costituiscono già il core-business aziendale.

Microsoft invece non ha questa fortuna. L’azienda è nella posizione in cui nessuna azienda vorrebbe mai trovarsi, ossia dover cannibalizzare le aziende collegate per poter affrontare il futuro. Per poter dominare l’era Post-PC come domina il presente, l’azienda di Redmond avrebbe dovuto utilizzare la stessa strategia di Apple, ossia creare una linea di prodotti alternativi a quelli principali.

La soluzione migliore per Microsoft sarebbe stata quella di trovare un sistema simile ad iOS, una piattaforma sola, leggera da poter installare dagli orologi ai tablet in modo che possa essere compatibile con tutto. Il sistema operativo Windows Phone sarebbe stata un’ottima piattaforma da cui partire per sfidare Apple. Microsoft avrebbe dovuto spingere in modo aggressivo Windows Phone come sistema operativo per i tablet. In pratica avrebbero dovuto cedere a terze parti la produzione di hardware e cercare aziende per la produzione di prodotti di elevata qualità a basso costo, cercando di convincere gli utenti a scegliere un’alternativa ai soliti computer.

Però non hanno avuto modo di farlo. Anzi, hanno commesso un grave errore. Invece di partire “leggeri” per poi crescere piano piano, sono partiti “pesanti” ed ora si trovano storditi. E’ proprio a causa di questo atteggiamento che il Tablet PC è morto, con una piattaforma pesante, goffa che in pochissimi hanno scelto di acquistare.

Windows Phone avrebbe dovuto essere il sistema operativo dei tablet Microsoft ma in azienda non hanno voluto guardare al futuro e come sempre la miopia di qualcuno è entrata in conflitto con l’interesse dell’azienda.

Il tablet di Microsoft offriva due opportunità, contrastanti. La possibilità di cogliere l’occasione al volo e, con lungimiranza, partire da un piccolo dispositivo in attesa che le leggi di mercato (insieme alla legge di Moore) facessero crescere le richieste e aumentassero le esigenze degli utenti oppure sfruttare tutto l’interesse intorno ai tablet e partire con una versione “svecchiata” di Windows.

A Redmond hanno scelto la seconda strada ed è per questo che sono destinati a perdere.

Microsoft ha sempre creduto che la semplicità d’uso arrivasse da un mix di funzionalità, architettura e tecnologie complesse presentate con un’interfaccia considerata semplice. Ma la vera semplicità può essere raggiunta solo ricominciando da zero, abbandonando la compatibilità a ritroso.

Proprio l’incapacità di abbandonare questa compatibilità a ritroso renderà Windows 8 “sgradevole” da usare e l’interfaccia Metro non aiuterà a cambiare le cose. Al contrario, iOS e Windows Phone, che hanno abbandonato i legami col passato, sono belli ed efficaci.

In fondo, è la stessa Microsoft la prima responsabile del proprio declino, essendo incapace di offrire delle alternative valide al solito Windows. Mentre il mondo avanza verso l’era Post-PC, Apple corre e Microsoft ancora una volta resterà a guardare.

Via | CultOfMac

1,535 Visite


6 Commenti

  1. senza apple, saremmo letteralmente senza l’era Post-PC.
    Grazie apple :)

  2. guardate che a me(come a molti) interessa un tablet che possa far potenzialmente tutto quello che faccio su un portatile. Oggi non é il caso (a parte tablet con windows 7 ma non ottimizzati per il touchscreen!); windows 8 cambierà tutto.

    La scelta é tra chi vuole un telefonino più pesante e con un grosso schermo oppure un portatile più leggero e userfriendly: io sono per il secondo.

  3. Solito articolo da fanboy che si ritiene in grado di leggere il futuro.

  4. Mai lette tante cretinate in un solo articolo.

  5. la apple ha iniziato a far soldi quando…la generazione che ha sempre conosciuto apple come costosa e inutilmente gradevole ha avuto da parte i soldi per comprarselo…anche io ritenevo apple costosa xkè bella e stop…poi a piccoli passi ho avuto i soldi e la voglia di vedere se oltre alla bellezza c’era altro…e pian piano shuffle, nano, touch, iphone, imac…e col cavolo che torno a windows(pur sapendo benissimo che certe cose per MAC ancora non esistono ma esisteranno). il tutto incavolandomi con la gestione itunes, iphoto, iphone e limitazioni ecc, ma anche quella va capita imparata. se ti ostini a gestire i file sul mac come su windows allora sembrerà di aver fatto il peggior acquisto di sempre

    • D’altronde io penso una cosa… Se acquisti Apple devi ovviamente essere a conoscenza e accettare la logica e la mentalità con la quale essa fa tecnologia… Personalmente io mi trovo molto bene con la filosofia Apple in quanto riesce a essere facile e complessa allo stesso tempo; i Noobs non si sentono tagliati fuori e chi ha fame di informatica secondo me ha comunque pane per i suoi denti e cose nuove da imparare (tralasciamo ovviamente eccessivi smanettoni)

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice