In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Apple rende disponibile a tutti la nuova sottoscrizione ai pagamenti ricorrenti tramite App Store [Aggiornato con Comunicato Stampa]



Apple ha ufficialmente annunciato il lancio del nuovo servizio di sottoscrizione ai pagamenti tramite App Store. Da oggi il servizio non è più riservato al Daily ma è aperto a tutti i Magazine, i giornali, le riviste, a chi vuole fornire contenuti video o musicali e tanto altro ancora.

Per quanto riguarda i pagamenti, il sistema funzionerà cosi: Quando Apple ottiene un nuovo sottoscrittore dall’applicazione, guadagna il 30% mentre il 70 va allo sviluppatore, quando invece è lo sviluppatore a portare nuovi clienti dall’esterno oppure quando gli stessi rinnovano un abbonamento, si ottengono il 100% dei ricavati.

Nel Comunicato Stampa è Steve Jobs a scrivere: Tutto quello che chiediamo è questo: se un publisher vende sottoscrizioni all’esterno dell’applicazione, la stessa offerta (in termini di costi) dovrebbe essere portata avanti anche dall’interno dell’applicazione stessa. Crediamo molto in questo innovativo metodo di sottoscrizione ai pagamenti, che potrà offrire tante nuove opportunità per aumentare il numero di clienti fissi.

Apple ci ha inviato il comunicato stampa in italiano e ve lo riportiamo di seguito:

CUPERTINO, California— 15 febbraio, 2011—Apple ha annunciato oggi un nuovo servizio di abbonamento disponibile per tutti gli editori di app basate su contenuti presenti sull’App Store, incluse le riviste, i quotidiani, i video, la musica, ect. Questo è lo stesso innovativo servizio di fatturazione per abbonamenti digitali che Apple ha recentemente lanciato con l’applicazione “The Daily” di News Corp.

Gli abbonamenti acquistati all’interno dell’App Store saranno venduti con lo stesso sistema di fatturazione AppStore che è stato utilizzare per comprare miliardi di applicazioni e di acquisti in-app. Gli Editori fissano il prezzo e la durata dell’abbonamento (settimanale, mensile, bimestrale, trimestrale, semestrale o annuale). Poi, con un solo clic, i clienti scelgono la lunghezza dell’abbonamento e ricevono automaticamente l’addebito in base alla lunghezza dell’impegno scelto (settimanale, mensile, ecc.). I clienti possono rivedere e gestire tutti i propri abbonamenti dalla pagina del proprio account personale, inclusa anche la possibilità di annullare il rinnovo automatico di un abbonamento. Apple processa di tutti i pagamenti, mantenendo lo stesso 30 percento che trattiene oggi per altri acquisti In-App.

“La nostra filosofia è semplice: quando Apple porta un nuovo abbonato alla app, Apple guadagna un 30 percento, quando l’editore porta un utente esistente o un nuovo abbonato all’app, l’editore mantiene il 100 percento e Apple non guadagna nulla”, ha dichiarato Steve Jobs , CEO di Apple. “Tutto ciò che richiediamo è che, se un editore sta facendo una offerta di abbonamento al di fuori dell’app, le stesse (o migliori) offerte vengano proposte all’interno della applicazione, in modo che i clienti possano facilmente abbonarsi con un clic direttamente dall’app. Crediamo che questo servizio di abbonamento innovativo fornirà agli editori una nuova opportunità per ampliare l’accesso ai loro contenuti digitali su iPad, iPod touch e iPhone, accontentando sia i nuovi abbonati che quelli già esistenti.”

Gli editori che utilizzano il servizio di abbonamento Apple nella propria applicazione possono sfruttare anche altri metodi per l’acquisizione di utenti digitali al di fuori dell’applicazione. Ad esempio, gli editori possono vendere abbonamenti digitali sui propri siti web, oppure possono scegliere di fornire l’accesso gratuito agli abbonati esistenti. Dal momento che Apple non è coinvolta in queste operazioni, non viene applicata alcuna revenue sharing, ne’ vi è alcuno scambio di informazioni sui clienti con Apple. Gli editori devono fornire il proprio processo di autenticazione all’interno della app per gli abbonati che hanno sottoscritto al di fuori dell’applicazione. Tuttavia, Apple richiede che l’editore, qualora decidesse di vendere un abbonamento digitale separatamente, al di fuori della app, renda disponibile la stessa offerta di abbonamento, allo stesso prezzo o inferiore, a clienti che desiderano sottoscriverlo da dentro l’applicazione. Inoltre, gli editori non potrebbero fornire più, nelle loro applicazioni, i link (ad un sito web, ad esempio) che permettono al cliente di acquistare contenuti o abbonamenti al di fuori dell’applicazione.

Proteggere la privacy dei clienti è una caratteristica fondamentale di tutte le transazioni su App Store. Ai clienti che acquistano un abbonamento tramite l’App Store sarà data la facoltà di fornire all’editore il proprio nome, indirizzo email e il codice di avviamento postale al momento dell’abbonamento. L’uso di tali informazioni sarà regolato dalle norme sulla privacy dell’editore piuttosto che da quelle Apple. Gli editori possono richiedere ulteriori informazioni ai clienti dell’App Store a condizione che a tali clienti sia offerta una scelta chiara, e siano informati del fatto che eventuali informazioni aggiuntive verranno trattate nell’ambito della politica di privacy dell’editore piuttosto che da Apple.

434 Visite


1 Commento

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice