In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

Apple fa causa ad Amazon per aver utilizzato il marchio “AppStore”



Stando a ciò che viene riportato da Bloomberg, Apple il 18 Marzo ha ufficialmente fatto causa ad Amazon che starebbe utilizzando impropriamente il marchio Appstore per il suo nuovo negozio virtuale, che dovrebbe debuttare oggi.

Apple avrebbe richiesto di impedire ad Amazon di utilizzare tale termine per il nuovo portale di applicazioni. AppStore è un marchio che infatti appartiene ad Apple, che lo registrò nel 2008. Inoltre nel 2010 è stato ufficializzato da parte dell’azienda di Cupertino anche l’altro marchio di proprietà: Mac App Store.

Come se non bastasse Amazon utilizzerebbe questo portale chiamato Amazon Appstore per permettere il download di alcune applicazioni su telefoni cellulari.

Ricordiamo che una polemica simile avvenne tempo fa, quando Microsoft si oppose ad Apple riguardo al Copyright del marchio, considerando i termini “App” e “Store” troppo generici, e chiedendo che questi fossero utilizzabili da chiunque. Apple rispose seccamente che anche “Windows” potrebbe essere ritenuto un termine molto generico.

Via | 9to5mac

366 Visite


15 Commenti

  1. apple fai una cosa…il tuo ibook e ibookstore chiamalo amazon…così siete pari

  2. Il nome Apple invece non è generico per nulla :)

    • Tanti i nomi famosi sono generici, e OFFICE allora non e generico??

    • Se dici “apple” non pensi alla mela ma alla produtrice di iphone ipad ipod mac ecc.
      Il nome apple significa in tutto il mondo quasi apple come firma

    • Santino
      Apple è il nome di una società. Che è cosa diversa.

      Qua si parla del trademark di un servizio (AppStore) e il paragone che ho fatto sotto, ma solo per spiegare meglio il punto tre, è relativo ad un “prodotto” (windows).

      • Cosa dovrebbe sucedere se a apple toglono il copyright perche “un nome troppo generico” sarebbe le fine. Appstore e “apple” sono di apple!!!!!!!!!

      • Forse non hai letto: Apple è il nome di una società e non c’entra nulla col discorso in questione. Qua si parla di un servizio.

    • Io un’azienda la posso chiamare anche “Cosa s.p.a”. E nome più generico di così… dipende solo se non ne esiste già una.

      Questione diversa per i marchi registrati. Che giustamente ricordiamo che bluray perse la “e” perché se no sarebbe stato troppo generico. Ma se AppStore è generico, è giusto osservare che anche Windows è ancora più generico per non parlare di Office.. che lo usi proprio in.. ufficio (office). Quindi da che pulpito arrivano le proteste. Quindi, se le cose devono essere pari e nel giusto, o Apple si tiene AppStore, o Microsoft deve dire addio a Windows e Office.

  3. Hahahahah. Amazon sapeva che sara denunciata.!!

  4. 1) Anzitutto qua non parliamo di un semplice termine a sé. Si tratta di un termine composto da una abbreviazione + un’altra parola. Non abbiamo due parole pure e semplici. Una è un’abbreviazione. Quindi abbiamo un termine frutto di una capacità d’ingegno che tra l’altro ha ottenuto un riconoscimento legale di utilizzo esclusivo da parte di Apple.
    2) Prima del lancio da parte di Apple di AppStore, NESSUNO usava l’abbreviativo “app” e, se anche qualcuno l’avesse sporadicamente usata, di certo nessuno usava lo stesso abbreviativo nelle dimensioni con cui se ne è parlato DOPO l’introduzione di AppStore.
    3) Chi sostiene che AppStore si tratti di un termine “generico”, in realtà assegna un punto sulla lavagna a favore di Apple.
    Infatti, anche qua: chi mai al mondo, prima del 2008, usava il termine AppStore? Se un termine è davvero “generico” allora lo è da sempre. Perché altrimenti, se lo diventa GRAZIE a qualcuno, allora non è generico “naturalmente” ma lo è diventato GRAZIE a quel qualcuno.

    Ad esempio, per quanto si possa discutere del paragone con la parola “Windows” (dato che comunque AppStore va a qualificare direttamente ciò che menziona mentre Windows è una parola che di per sé non si collega a nulla che sia un OS), quest’ultimo termine (windows) si presta bene a chiarire il punto tre: windows (finestre) è un termine generico che è generico DA SEMPRE. Tutti hanno sempre usato la parola “windows”: anche nell’ottocento o nel medioevo il termine windows/finestre era generico, in quanto menzionava un oggetto di “uso” comune. Bill Gates non era ancora nato, ma il termine era GIÀ generico. Ovviamente la cosa vale anche per “Apple” ma qui parliamo di nome di una società e non di un “prodotto” o “servizio”.

    AppStore invece non è MAI stato “generico”, se non DOPO che Apple l’ha introdotto. Si tratta di un termine NATO GRAZIE AD APPLE e in funzione di Apple.

    Allora la verità qual è?

    La verità è che Amazon (termine generico?), e altri, cercano disperatamente di elemosinare un po’ del successo che Apple sta avendo, non essendo probabilmente in grado di raggiungerlo da soli, con le proprie gambe.
    Perché mai Amazon non potrebbe chiamare il suo store in altro modo? Ad esempio “Amazon Market”, che tra l’altro sarebbe un nome di gran lunga più adatto e comprensibile, considerando che si tratta di un negozio di applicazioni che va ad inserirsi nel mondo Android, affiancandosi ad “Android Market”. Android, altro termine generico da sempre (è anche una vecchia canzone dei Green Day, album Kerplunk). Se il tuo negozio di applicazioni è qualitativamente buono con degli ottimi contenuti sarà buono a prescindere dal nome.

    Non è che forse Amazon, sapendo di non poter combattere sul piano della qualità dell’offerta, cerca più facilmente di “mendicare successo” con un termine, AppStore, INVENTATO da Apple e che praticamente NON esisteva prima di….AppStore?

    Tra l’altro, il fatto di aver scritto “Appstore” tutto attaccato, con la A maiuscola ma con la S minuscola (e non maiuscola) è quasi un implicito riconoscimento della consapevolezza di come quella casella sia già (legittimamente) occupata da qualcun’altro (Apple).

    • Vorrei precisare che anche in Italia, prima di Apple, si parlava di PROGRAMMI per cellulari. Ora si parla di APPLICAZIONI… Non ha coniato una nuova parola, ma ha trasformato le menti di chi le usa. E cmq app è abbreviazione di application. Che lo chiamassero Amazon applicationstore allora.
      Come se in italiano io lancio un negozio che si chiama mercato dei prog (programmi) e poi mi dicono che prog è comune… ma quando mai? Lo so che in italiano fa sempre un altro suono.

    • Hai espresso perfettamente quello che è. Tutto il resto è spazzatura.
      Quoto completamente il tuo commento!

  5. iPadevice
    non riesco a postare sul post con la stessa notizia su iSpazio. Potete controllare tra i commenti moderati? mi dice che l’ha pubblicato ma non viene fuori nulla.

  6. Vorrei ricordare che il marchio registrato è AppStore quindi se amazon avesse usato amazonApp nessuno avrebbe detto niente, lo stesso vale per Store. Il marchio è AppStore, non vedo cosa abbia sbagliato Apple, anzi, visto che Microsoft parla tanto Windows è un termine poco popolare. Diciamo che molti vedono quello che fa’ comodo vedere. Un marchio quando è registrato è registrato. Valentino Rossi ha denunciato una casa che produce pantaloni perché ha usato il 46 con lo stesso font del suo numero sulla moto, e ha ragione. Cosa servirebbe il copyright altrimenti?

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice