In Evidenza
Il Contest del giorno su iPadevice
Contest
icon120_473087400
Vinci 15 copie di iParolix HD su iPadevice!
Partecipa al Contest lasciando un commento e vinci quest'applicazione
Ultime Notizie

10 ragioni per cui il PC non è ancora destinato a scomparire a favore dei tablet



Da quando qualche mese fa iPad ha fatto la sua comparsa sul mercato, molto è stato detto sul ruolo che avrebbe ricoperto nel mondo della tecnologia. C’è chi sostiene che salverà il settore della carta stampata (libri e quotidiani), chi invece ritiene che rivoluzionerà l’industria cinematografica, secondo alcuni arriverà persino a cambiare il modo in cui comunichiamo.

Sebbene ci siano i fondamenti per pensare che questa rivoluzione avverrà, sembrano esagerate le previsioni di Steve Jobs secondo cui “il PC è destinato ad essere messo da parte”. Dopo il salto vi illustreremo i 10 motivi per cui i vostri PC possono ancora dormire sonni tranquilli.

1. Tablet Computing: una storia già vista

Chi si ricorda nel 1993 l’uscita del Newton PDA, il primo dispositivo touch made in Cupertino?

Le vendite non furono eclatanti, e quando Jobs ritornò in Apple nel 1998 il Newton venne accantonato definitvamente. Per un decennio poi Jobs continuò a sostenere che non c’erano progetti per un nuovo dispositivo mobile, quindi è ovvio pensare che il mercato non fosse ancora interessato ad un prodotto simile.

Anche se ad oggi il mondo dei touchscreen sembra godere di una nuova giovinezza, anche le ricerche che Microsoft ha condotto hanno dimostrato che la maggior parte dell’utenza non è ancora interessata ad abbandonare definitivamente i PC in favore dei dispositivi mobili, e qualora lo facesse è plausibile pensare che si orienterebbe verso un dispositivo che sia possibile tenere facilmente in tasca.

2. La richiesta dei PC è in aumento

Sebbene la crisi economica abbia colpito duramente i “beni di lusso”, gli analisti del settore sostengono che il 2010 vedrà un aumento nella vendita di PC, Notebook e server tra il 20 e il 22%. Difficilmente quindi un settore in crescita rischia di estinguersi nel breve periodo.

3. L’ Hype non sempre si traduce in realtà

Come accadde per Segway, che sembrava destinato a spopolare nelle strade di tutte le metropoli, è più che probabile che l’hype generato da Jobs intorno all’iPad sia destinato a ridimensionarsi. Con questo non stiamo dicendo che iPad possa rivelarsi un flop (saremmo facilmente smentibili con i dati di vendita di questi mesi), ma la sua diffusione potrebbe essere meno capillare del previsto dato che TV, lettori Blu-Ray, lettori MP3, telefoni e computer desktop hanno ancora una grossa influenza sulla vita delle persone.

4. I PC sono generalmente meno costosi

In tempo di crisi questo fattore non è da sottovalutare: ormai è facile trovare laptop più che discreti intorno ai 400/500 euro. Per la stessa cifra potreste comprare anche un iPad, ma dovreste accontentarvi di un disco da 16 GB, uno schermo da 10 pollici e di una tastiera virtuale.

Oltretutto non montando ne OS X ne Windows non potreste installare le applicazioni di questi due sistemi operativi (che magari vi servono anche per lavoro), e quindi la vostra scelta sarebbe limitata alle applicazioni presenti in App Store.

5. I dispositivi mobili non sono versatili.

In questo caso l’esempio più lampante è quello di Adobe Flash. Jobs ha prontamente relegato Flash nella categoria delle “applicazioni preistoriche”, nate nell’era del PC, ma quello che la maggior parte degli utenti vogliono fare è navigare in internet ADESSO, senza aspettare che tutti i webmaster migrino i loro siti da Flash a HTML 5 (qualora lo volessero fare, si intende).

Altro punto critico è quello delle periferiche: cosa ne farete di stampante, scanner e ammennicoli vari qualora l’iPad divenisse il vostro unico e solo computer?

6. I dispositivi mobili non vanno d’accordo con il Business

Se molto è stato fatto per permettere a iPhone, iPad e compagni di vedere i filmati su Youtube e navigare il web senza problemi, nel campo del Business siamo ancora in alto mare.

Una delle necessità di chi lavora in questo settore è di avere standard elevati di sicurezza, e mentre sui laptop sono arrivati già da tempo lettori di impronte digitali, criptaggio dei dati integrato e altre soluzioni hardware simili, questa possibilità non è ancora disponibile su smartphone e tablet.

7. Il Cloud Computing non è ancora pronto per le masse

Per quanto si stiano facendo molti passi avanti in questo campo (basti pensare agli investimenti di Google e Apple nelle loro server farm), le architetture di tipo “cloud” si sono dimostrate tutt’altro che solide, figuriamoci quindi cosa potrebbe succedere con un aumento esponenziale degli accessi in seguito ad un’aumento dell’utenza.

8. Il Cloud Computing non risolve tutti i problemi

Se AMD e Intel parallelamente allo sviluppo di processori Atom e ARM a basso voltaggio stanno investendo nella produzione di processori multicore sempre più performanti, un motivo ci sarà. Lo stesso vale per la RAM e i GB di hard disk, che continuano ad aumentare nelle dotazioni dei nuovi PC.

La realtà è che, sebbene molte operazioni si possano svolgere sui dispositivi mobili, è ancora necessaria una notevole potenza di calcolo per la maggior parte delle operazioni che effettuiamo sui PC, come ad esempio giocare al nuovo Doom oppure realizzare immagini in 3D.

9. I sistemi operativi mobile devono portarsi dietro una pesante eredità

Creare da zero un nuovo dispositivo mobile non è cosa facile. Bisogna cercare di soddisfare i casi d’uso tipici dei PC senza rinunciare alla portabilità e alla semplicità d’uso. Per questo bisogna fare attenzione a cosa portare nel nuovo sistema operativo e cosa lasciare nella “old generation”, col rischio di ricalcare le orme di Microsoft con Windows Mobile, che sta preparando almeno 5 versioni del suo sistema operativo mobile per cercare di soddisfare le esigenze degli utenti.

10. I PC sono “familiari”

Quando sono stati progettati, i primi PC sono stati sviluppati per fare in modo più efficente cose che le persone già facevano. La tastiera ha sostituito la macchina da scrivere, il paradigma WYSIWYG è entrato a far parte della normalità e le UI si sono evolute iniziando a prendere in prestito per le loro componenti il significato di oggetti che abbiamo sott’occhio tutti i giorni (basti pensare al “Cestino” sul nostro desktop).

A questo si somma anche l’abbassamento dell’età del “primo contatto” con i PC: prima si impara a usare una cosa, meglio e più spesso la si usa andando avanti con gli anni. Sto pensando alla fatica che fa mio padre (un 62enne non completamente ignaro del mondo tecnologico) a leggere i giornali online e alle prodezze informatiche di mia cugina 13enne, che sembra una continuazione fisica del mondo del web.

Sembra quindi che sia lecito parlare non tanto di un’era “post-PC”, quanto piuttosto di un’era “PC +”, in cui i PC sono affiancati da una miriade di nuovi dispositivi come tablet e smartphone.

Voi cosa ne pensate?

Articolo tratto e tradotto da ItBusiness

1,802 Visite


27 Commenti

  1. e per l’ipad a differenza di android c’è un 11mo punto, il piu importante di tutti.. ti serve un computer a cui attaccarlo per poterlo usare e metterci i dati!

  2. Complimenti per l’articolo ma soprattutto per l’immagine! :)

  3. Non si può generalizzare così :-) un tablet non sostituirà mai il pc (Mac meglio) fisso, di casa. Ma, personalmente, sul lavoro il tablet mi fa lasciare il portatile sulla scrivania 😉

  4. Bhe ho comprato da poco un macbook pro ed anche l’ipad…posso affermare con certezza che iPad è un bel giocattolo…Ma solo un giocattolo…Ho il modello 3g e quindi lo utilizzo quando viaggio ma comunque non è minimamente paragonabile alla comodità di un bel macbook pro 13″ ….

  5. @Ema: dipende dal portatile…

  6. Bhe… Ragazzi, io penso che uno dei motivi principali per cui il tablet non avrà la meglio sul computer è questo: sull’iPad io non posso scaricare programmi tipo Xcode e non posso lavorare alle mie app…

  7. Il Tablet non sostituirà i computer solo a livello professionale. Ma nel giro di 5 anni i tablet per uso domestico saranno più dei computer per lo stesso uso. La media di utilizzatori non sa installare un antivirus, quindi tutto quello che gli semplifica la vita viene apprezzato.

  8. @seth.1987:

    Ė tutto relativo…un portatile, anche l’AIR lo devi appoggiare… L’ipad no. Ed ė sempre acceso e rapido e aprire qualunque PDF, qualunque XLS…

    Poi se vuoi giocare a Doom forse… Ma chi ė poi sto Doom??

    scherzo ovviamente :-)

  9. Di certo il tablet non sostituirà mai completamente il computer a livello professionale. Ma siamo seri,ho visto ragazzi miei coetanei e non,comprare Mac di ogni genere equipaggiati con processori i5 o i7 per poi usarli per navigare in rete o fare lavori con PS che un qualsiasi utente un minimo più esperto sarebbe in grado di fare su paint con un netbook.Ma a loro serviva davvero tutta quella potenza? No,probabilmente farebbero le stesse cose nello stesso modo se non meglio con un iPad,magari appoggiandosi ad un Mac mini o ad un computer di più umili caratteristiche. Io stesso,che con il pc ci lavoro,trovo davvero di una comodità disarmante l’iPad per fare tutto ciò che non sia lavorare: navigare,guardare i video o la posta. Più comodo che con il pc,avendo anche l’opportunità di staccare le mani da quelle tanto scomode tavolette grafiche che uso per lavorare. Allora mi sono chiesto,ma se io un giorno disgraziatamente dovessi cambiare lavoro,facendone uno che non necessiti di un pc,avrei davvero bisogno di qualcosa che non sia l’iPad se non per sincronizzarlo?Credo che tutti i ragazzi potrebbero accontentarsi di un macbook base,o perché no,di un pc ,di certo più economico equipaggiato con W 7 per fare tutto ciò che non si può fare con un iPad,convertire video,graficare o disegnare (Per chi come me,usa una Wacom,non sapete che sofferenza sia non avere il supporto al riconoscimento della pressione);per tutto il resto,c’è l’iPad.

    Scritto da iPad 😉

  10. Complimenti x il lavoro che fate ci vuole una vera e propria passione, specialmente nel sopportare certi post davvero MALEDUCATI!! ciao..

  11. L’articolo e’ troppo generalista e si deve pensare che esitino tanti target e non una Massa indiscriminata di fruitori di un prodotto o di un servizio. IPod, iPhone e iPad sono dei prodotti pensati per l’utente medio e per un uso semplice ed immediato di determinate funzioni: ascoltare musica, navigare, guardare film e giocare. I tre prodotti fanno queste cose egregiamente e non sono assolutamente rivolti ad un’utenza business. Anche se con la suite iwork un Dock e una tastiera si possono creare documenti. Non credo che la Apple abbia creato l’iPad per fare concorrenza ad un notebook ne tanto meno l’iPhone per fare concorrenza ad un Blackberry.

  12. @Ema: DOOM è Il DESTINO dell’ipad xD comunque anche l ipad devi appoggiarlo sulle gambe quindi a sto punto…un macbook va meglio no?almeno hai la tastiera e giochi a giochi piu belli U.U cmq…bhe ipad ha molte cose a favore ma il pc a mio avviso serve troppo

  13. Scusate l’ot… Sapreste indicarmi un sito o un blog dove vengono recensite applicazioni per ipad? Tipo toucharcade.com ma dedicato ad applicazioni professionali.

  14. @eema: quoto, per avere un ipad al top ai bisogno di un pc, di conseguenza, mal che vada ci sarebbe un pc ogni ipad…
    Ps. proprio ora sto ripristinando l’ipodtouch, senza pc sarei perso 😀

  15. Io inviterei a pensare cosa si poteva fare con il primo pc/Mac? Cosa si può fare oggi con un buon pc/Mac?
    E con il primo iPad? Cosa si può fare ( direi quello che puoi fare con un pc discreto).
    Dove arriverà fra 10 o 15 anni il Tablet?.
    E ovvio che al momento l’iPad non potrà sostituire per tutto un pc/Mac parliamo di oltre 30 anni progresso informatico mentre con i tablet siamo ai primi mesi.

  16. Come concetto generalistico, ovviamnete mi è corretto, ma come si dice “hanno scoperto l’acqua calda”.
    Le motivazioni ovviamente che hanno dato per le loro ragioni mi fanno veramente ridere e sono volutamente di parte.

    Suppongo che Jobs intendesse è la fine dei Netbook non di tutti i PC, sarebbe un controsenso visto che tutti i suoi dispositivi sono incentrati su un SERVER che faccia da piattaforma (sincronizzazione).
    Infine il punto 9 è quello che mi ha fatto più sorridere, Microsoft sta scrivendo per ben CINQUE volte il sistema operativo mobile semplicemente perchè ancora non hanno capito cosa vuole l’utenza…. in poche parole non è in grado. Dopotutto si son fatti superare in pochi anni da Apple e da Google con Android. Questo la dice lunga sull’innovazione di Microsoft.
    Chiudendo la parentesi, Apple ha sempre cercato di creare un dispositivo funzionale, semplice e facile da usare, con qualche limitazione è vero, ma tutto questo comporta anche facilità nell’uso, quindi i suoi prodotti comunque si portano su un livello superiore del solo aspetto tecnico.

  17. aaaa…. dimenticavo, tirare fuori il Newton dimostra solo che Jobs era già orientato verso il futuro (troppo, evidentemente) a differenza di Microsoft che ancora vendeva Windows 3.1

  18. Ragazzi tutto quello che volete ma da quando ho ipad non ho piu acceso il macbook!!!ovvio non lo sostitusce…ma è una grande alternativa!!! X uso domestico sono sicuro che se uno deve scegliere tra ipad e acer da 300 euro si prende un ipad…ovviamente se lo usa x navigare email foto e video!

  19. eema
    il paragone android iPad non sta in piedi. Non puoi dire che ad iPad serva un computer e “ad android” no, semplicemente perchè prima devi aspettare un tablet con android, che sicuramente sarà slegato dal computer, ma ancora non c’è ed è quindi un esercizio di stile quel paragone.
    Inoltre non è questo grosso limite per molti dato che, geek a parte, le persone meno esperto lo collegano la prima volta e sono a posto per settimane. Navigazione, mail, apps e via.

  20. Credo che quest sia il primo modello uscito, per dire il vero quando usci il primo iPhone ero molto scettico mi sembravache fosse molto, molto limitato, bluethhto mancante, mmms che non si potevano inviare la digital camera a soli 2 milion di pixel e altre cose che non sto ad elencare, guardiamo oggi l’evoluzione dell’iPhone credo che nelfuturo iPad comincera ad evolversi questa é solo la prima versione. Certo é bello da vedere ma ci sono ancora tante limitazioni il mio consiglio per chi non ha un MacbookPro é meglio investire prima su quello e poi eventualmente comprarsi anche un iPad

  21. Io ho cominciato con Psion, e l’allora mitico symbian, fino al 5MX, poi cominciavano a perdere colpi.. Sono passato ad HTC, per poco, poi iPhone, che come dispositivo portatile, fa quasi tutto ciò che serve ad un rappresentante.. PDF e XLS.. Ora iPad, che col suo display è “quasi” perfetto :-)

    Poi ho l’imac a casa, il powerbook sulla scrivania e la appletv sotto la tv, ma l’ipad li accomuna un pó tutti ed è mobile :-)

  22. Mah, a mio parere è l’inizio della fine dei PC… di certo non può succedere entro breve! Ipoteticamente un tablet potrebbe in un futuro interfacciarsi via wifi ad una postazione fissa (tastiera e monitor) ma non necessariamente ci sarà bisogno di un PC… O_o

  23. l’ipad non può ancora superare i pc, ma un tablet con le caratteristiche di un pc o mac, che dia la possibilità di fare tutto ciò che fà un computer quindi programmare ecc riuscirebbe semplicemente a far estinguere i pc, le tecnologie ci sono ma non vengono sfruttate

  24. Ma io dico una cosa, perchè non montano il Leopard sull’ipad, invece di un sistema operativo come l’iphone? Secondo me farebbe il boooom!!

  25. Secondo me bisogna fare delle distinzioni e sopratutto evitare di essere assolutisti.
    Il pc non è morto, ma e innegabile che l’iPad sia l’inzio di una piccola rivoluzione.
    Vi porto il mio esempio, ho un Macbook che ho sempre usato a casa per navigare su internet, posta, qualche gioco e passatempi vari(foto, ecc).
    Da 2 settimane ho un iPad e vi posso assicurare che da 2 settimane non accendo più il Macbook …quando la sera sono a casa per navigare su internet dal divano, dal letto o da qualunque altro posto l’iPad è infinitamente più comodo da maneggiare, non scalda quasi niente, è disponibile acceso e funzionante in un secondo.
    Per la posta idem, poi quando voglio giocare ho un mucchio di giochini come passatempo, posso leggere una rivista, o un libro, contemporaneamente posso approfondire quello che leggo su internet.
    Se sono sul letto e decido di guardarmi una puntata della mia serie tv preferita con AirVideo, accedo al file archiviato sul Mac e me lo guardo in streaming con un’ottima qualità.
    In tutto questo i Mac ed i Pc esistono ancora e restano molto importanti, la mia giornata la passo comunque davanti al computer a programmare e non potrei sostituirlo in quell’ambito con l’iPad, ma non mi dite che nell’intrattenimento domestico l’iPad non sta rivoluzionando le mie abitudini, chiedete al mio “vecchio” Macbook 😉

  26. Io usavo un macbook 13″ per lavoro in tethering con iPhone, e per lavoro intendo Pages, Numbers, Safari, Mail, Calendario e Contatti.
    Ora uso iPad e basta. Ovvio per telefonare uso l’iPhone, ma direi che a me, sostituisce in toto il portatile.
    …e pesa meno.
    Poi quando sono a casa, Titan standing e tastiera Bluetooth Apple.
    Il macbook l’ho dato ai miei genitori.

 

   Commenti




Quick Apps - recensioni veloci delle ultime App per iPad!
quickapp_hover
icon120_583715630
Il Cruciverba Gigante
quickapp_hover
Fighter Wings HD
Fighter Wings HD
quickapp_hover
icon120_647122531
Plastic
quickapp_hover
ipash
ipash
quickapp_hover
Tesina
iTesina HD
quickapp_hover
icon120_592430341
Favole per Bambini

I Partner Esclusivi di iPadevice